Posts contrassegnato dai tag ‘1979’

Titolo: The End

Compositore: The Doors

Film: Apocalypse Now (1979) – di Francis Ford Coppola

 

Non me lo so proprio immaginare un mondo senza musica.


L’incontro tra il gargantuesco Scott Hall e il tenero scricciolo H7-25, protagonisti di Uno sceriffo extraterrestre… poco extra e molto terrestre (1979), rimane anche a distanza di tanto tempo uno di quei momenti di dolcezza cinematografica la cui visione non andrebbe negata ad alcun bambino. Il gigante buono Bud Spencer (qui alle prese con uno dei suoi ruoli da “solista”)  si imbatte nell’enfant prodige degli Incontri ravvicinati del terzo tipo, Cary Guffrey, regalando un perfetto intrattenimento per famiglie che riesce fortunatamente ad evitare la retorica melensa di molti analoghi prodotti. La direzione tecnica di Michele Lupo sviluppa con la giusta classe le sorti di una vicenda semplice ma al tempo stesso onesta e simpatica; impossibile peraltro non sottolineare la bontà del lavoro svolto dagli irrinunciabili Oliver Onions, autori della fantastica colonna sonora che potete ascoltare in questo video.

 

Che si avverino i loro desideri, che possano crederci, e che possano ridere delle loro passioni.

Infatti ciò che chiamiamo passione in realtà non è energia spirituale, ma solo attrito tra l’animo e il mondo esterno.

E soprattutto, che possano credere in se stessi, e che diventino indifesi come bambini: perché la debolezza è potenza, e la forza è niente.

Quando l’uomo nasce è debole e duttile, quando muore è forte e rigido, così come l’albero: mentre cresce è tenero e flessibile, e quando è duro e secco, muore.

Rigidità e forza sono compagne della morte; debolezza e flessibilità esprimono la freschezza dell’esistenza.

Ciò che si è irrigidito, non vincerà.


Diretto nel 1979 dal grande cineasta russo Andrej Tarkosvkij, Stalker è una delle opere più rappresentative del filone della fantacoscienza. Il film descrive il tortuoso viaggio che uno scrittore ed uno scienziato decidono di compiere all’interno della Zona, un territorio rimasto selvaggio e abbandonato dopo la caduta di un meteorite.  Pare che da allora strani e pericolosi fenomeni colpiscano la regione, ciononostante i due protagonisti scelgono di avventurarsi al suo interno spinti dalla ricerca della misteriosa  “stanza dei desideri”, capace di esaudire le più intime richieste di chiunque riesca a raggiungerla. Ad accompagnarli è lo stalker, l’esperto conoscitore della Zona che  pronuncia le parole di questo filmato (le quali contengono peraltro una citazione ripresa da Il giuoco delle perle di vetro di Herman Hesse).